Libera il potere dei green bond

power of green

Libera il potere dei green bond


 

È innegabile: spostare oggi le migliaia di miliardi investiti su scala globale in obbligazioni tradizionali verso esposizioni più sostenibili avrebbe un impatto significativo sul mondo in cui vivremo domani.

Il cambiamento climatico, le sue ripercussioni a catena e le disuguaglianze che ne conseguono rappresentano la più grave minaccia alla nostra stabilità finanziaria a lungo termine. La pandemia di Covid-19 ha dimostrato molto più chiaramente di come potremmo mai fare noi la nostra stretta dipendenza dai sistemi naturali.

I green bond sono un eccellente modo per sostenere l'ambiente, giacché i proventi di questi titoli sono destinati unicamente a progetti e investimenti ecocompatibili. È estremamente importante aggiungere nei propri portafogli investimenti in grado di esercitare un impatto positivo diretto sul clima e in linea con i requisiti dell'Articolo 9 dell'SFDR, come i nostri ETF su green bond. Cosa è necessario sapere:

1.

Abbiamo inventato noi gli ETF sui green bond

  1. Gli ETF sui green bond e gli ETF sui green bond con filtro ESG di Lyxor sono stati i primi prodotti nel loro genere
  2. Entrambi soddisfano i requisiti dell'Articolo 9 dell'SFDR
  3. Al nostro più importante ETF sui green bond è stata conferita la certificazione "Greenfin", che garantisce che i prodotti finanziari acquistati contribuiscono in modo efficace al finanziamento della transizione energetica ed ecologica. I prodotti sottoposti al filtro ESG escludono singole aziende e attività controverse sulla base dei dati forniti da Sustainalytics, azienda leader nell'ambito dei dati ESG
  4. Prima di essere inclusi nei nostri fondi, i green bond devono ricevere l'approvazione indipendente della Climate Bonds Initiative (CBI), l'unica organizzazione al mondo che concentra la propria attività unicamente nella mobilitazione dei 100 mila miliardi di Dollari del mercato obbligazionario a favore della lotta al cambiamento climatico
  5. I nostri ETF sono indicizzati da Solactive e comprendono obbligazioni liquide investment grade denominate in EUR e USD emesse da governi, organizzazioni sovranazionali, banche per lo sviluppo e aziende per soli scopi di tutela del clima

Video: come funziona l'indice originario del nostro benchmark

2.

... con un po' di aiuto dai nostri amici

La CBI conferisce certificazioni e accreditamenti ai green bond. Per ricevere l'approvazione, le obbligazioni devono conformarsi al Climate Bonds Standard, uno quadro di riferimento perfettamente allineato ai Green Bonds Principles dell'International Capital Market Association (e per certi versi anche più rigoroso). Il Climate Bonds Standard ha elaborato una dettagliata tassonomia di progetti e investimenti idonei e ha definito stringenti requisiti pre e post emissione.
Per esempio nel 2020 la maggior parte dei proventi dei green bond sono stati investiti in progetti relativi a energia, bioedilizia e trasporti puliti.

Approfondimenti a cura della CBI:

3.

Da allora il nuovo è divenuto la norma

La domanda di fondi di green bond è aumentata significativamente da quando l'attenzione si è rivolta al clima e alla necessità di raggiungere l'obiettivo fissato dall'Accordo di Parigi sul clima: il contenimento del riscaldamento globale entro 1,5°C. Da allora i green bond sono divenuti uno strumento privilegiato di governi e aziende che desiderano contribuire alla lotta al cambiamento climatico e raggiungere i loro obiettivi a sostegno dell'ambiente. La novità è divenuta la norma, come indicano i seguenti dati che sottolineano la crescita e la diversificazione delle emissioni di green bond nel 2020:

  • Le emissioni hanno raggiunto nuovi record a quota USD 269,5 miliardi, pari a un tasso di crescita medio annuo del 60% dal 2015
  • A dicembre il mercato ha superato la soglia di USD 1000 miliardi
  • Al primo posto nella classifica delle emissioni nazionali si collocano gli Stati Uniti (USD 51,1 mld), seguiti dalla Germania (USD 40,2 mld) e dalla Francia (USD 32,1 mld). La Cina si è attestata al quarto posto (USD 17,2 mld), il che potrebbe forse sorprendere qualcuno.
  • Gli operatori di mezzi di trasporto urbani sono i più rappresentati nella lista dei primi 10 emittenti certificati (Certified Issuer Top 10), guidati da Société du Grand Paris. La casa automobilistica globale Volkswagen ha raccolto USD 2,2 miliardi tramite l'emissione di due green bond finalizzati al finanziamento di un vasto programma di sviluppo di veicoli elettrici
  • La quota maggiore delle emissioni del 2020 (USD 93,6 mld) ha riguardato investimenti nel settore energetico. Al secondo posto troviamo progetti edilizi a basse emissioni di carbonio (USD 70,6 mld) e trasporti a basse emissioni di carbonio (USD 63,7 mld)

Per saperne di più sul mercato:

4.

Investimenti in grado di esercitare un impatto concreto...

La CBI ritiene che uno degli aspetti cruciali dei green bond riguardi la trasparenza della rendicontazione. Una rendicontazione chiara ci consente di mostrare esattamente i risultati conseguiti o che avrebbero potuto essere conseguiti lo scorso anno grazie a coloro che hanno investito nel nostro Green Bond EFT, il cui patrimonio gestito ammonta a oltre 500 milioni di Euro. Ecco tre dei numerosi obiettivi raggiunti:*

  • Riduzione di 438.379 tCO2e, paragonabile all'eliminazione dalle strade di 94.709 automobili per un anno**
  • Generazione di 342.878 MWh di energia rinnovabile, equiparabile all'alimentazione energetica di 27.975 case per un anno**
  • Trattamento di 40.832m3 di acqua

La relazione completa sull'impatto degli investimenti è disponibile qui.

Video: l'impatto annuo di CLIM – Lyxor Green Bond (DR) UCITS ETF

    5.

    ... per continuare a finanziare un futuro migliore

    Può darsi che abbiamo perso la prima parte della battaglia contro il cambiamento climatico, ma la partita non è ancora chiusa. Sappiamo bene cosa dobbiamo fare, ma per passare all'azione abbiamo bisogno di capitali.

    La buona notizia è che il pianeta dispone di più denaro che mai e che gran parte di tale capitale è collocato in obbligazioni con tasso di interesse pari a zero o negativo. Non è così che si finanzia il futuro. Ricollocare tale denaro in strumenti che offrono una qualche forma di rendimento, probabilmente eco-compatibile nel lungo periodo, è una decisione sensata per qualsiasi investitore a prescindere dall'entità della sua allocazione.

      La nostra gamma di ETF sui green bond

      Approfondimenti:

      Fonte: Lyxor International Asset Management, Climate Bonds Initiative, aprile 2021
      * Questi indicatori si riferiscono al 47% della ponderazione del portafoglio all'8/12/2021.
      ** Fonte dello strumento di conversione: https://www.epa.gov/energy/greenhouse-gas-equivalencies-calculator