8 giugno 2021

Webinar con gli esperti di Bloomberg e Lyxor ETF - Investi nel futuro con le obbligazioni corporate ESG

Banner-image

Lo scorso 25 maggio 2021 Lyxor ETF ha avuto il piacere di confrontarsi con gli esperti di Bloomberg. Durante la diretta live di 30 minuti moderata da Vincenzo Saccente, Managing Director e Head of Sales per i Lyxor ETF in Italia, abbiamo analizzato come le strategie obbligazionarie corporate investment-grade e high yield si posizionano in vista della ripresa dell'economia globale e approfondito perché il futuro degli investimenti non possa più prescindere dal lato sostenibile di queste strategie.

Puoi leggere di seguito l'estratto del webinar; se desideri rivivere l'evento, clicca qui per rivedere il webinar.

Mahesh Bhimalingam, Chief European Credit Strategist for Bloomberg Intelligence, dopo un'introduzione sul contesto generale, ha analizzato il principale scenario che a suo avviso interesserà le obbligazioni societarie nel 2021. A suo giudizio, quest'anno offrirà numerose opportunità per l'alto rendimento.

MB: I protagonisti dei mercati del credito nel 2021 non saranno le obbligazioni societarie bensì i tassi. La pandemia di Covid che ha sconvolto il 2020 si è tradotta, per assurdo, in uno dei migliori anni per il credito. Nonostante i massicci acquisti di titoli delle banche centrali a sostegno dell'economia, i tassi hanno registrato un calo. Di conseguenza, le obbligazioni societarie investment grade (IG) così come quelle high yield (HY) hanno messo a segno rendimenti straordinari.

Il 2021 sarà un anno di ripresa, il che significa che i tassi potrebbero salire con l'aumento delle aspettative d'inflazione. Il rendimento del Bund ha già evidenziato un rialzo di circa 48 punti base.

Come avviene tipicamente in contesti simili, gli spread dei titoli HY dovrebbero trarre vantaggio dalla ripresa. Anche l'inflazione dovrebbe favorire l'alto rendimento, mentre l'IG non dispone dello stesso margine di protezione in un contesto di rialzo dei tassi. Gli investitori non hanno molta scelta: in termini di valutazioni e di rischi, quest'anno sarà fondamentale concentrarsi sull'high yield.

Ascolta il webinar completo per scoprire il resto della presentazione di Mahesh:

  • L'aumento dei tassi può significare costi di finanziamento più elevati per le aziende?
  • Il grande driver tecnico per il credito
  • Performance delle obbligazioni green ed ESG

AJ Lindeman, Head of Index and ESG Quantitative Research at Bloomberg, ha poi proseguito condividendo le sue analisi sull'applicazione dei filtri ESG agli indici di obbligazioni societarie.

AJL: Quando integriamo i fattori ESG nell'investimento in obbligazioni societarie, non partiamo con l'idea che si debba sistematicamente ottenere un extra-rendimento di per sé. Gli investitori sostenibili e socialmente responsabili si pongono ulteriori obiettivi, ad esempio in termini di politiche, norme sociali, allineamento dei valori e così via. Per questo cerchiamo di capire quali trade-off si dovranno effettuare per conseguire questi obiettivi supplementari.

Da dove potrebbero derivare questi trade-off? Come possiamo determinare le implicazioni di un focus ESG sui portafogli?

In generale, gli operatori di mercato tendono a preferire metodi di costruzione del portafoglio facili da capire. È questo uno dei motivi della popolarità dell'approccio ESG basato su norme, che tipicamente si concretizza con l'applicazione di filtri ESG e l'esclusione di aziende controverse.

Eppure questi filtri possono incidere sulle ponderazioni settoriali e sulle caratteristiche di rischio di un portafoglio; per gli investitori obbligazionari, si tratta di qualità del credito e duration, per gli investitori azionari, dell'esposizione ai diversi fattori.

Come si può isolare l'effetto ESG? Cambiando la tecnica di costruzione del portafoglio. Se riuscissimo ad applicare i filtri ESG senza modificare le altre caratteristiche del portafoglio, dovremmo essere in grado di isolare l'effetto ESG in un'allocazione. Questo può essere ottenuto con portafogli modello che sono costruiti con più precisione di quanto permettano le tecniche basate su norme.

Ascolta il webinar completo per scoprire il resto della presentazione di AJ:

  • La performance relativa di ipotetici portafogli "ESG max" e "ESG min"
  • Analisi della correlazione dei fattori ESG con altri fattori di rischio
  • Il potenziale dell'investimento ESG come protezione dai rischi di ribasso

Infine, Philippe Baché, Head of Fixed Income at Lyxor ETF, ha spiegato la logica alla base del credito ESG e analizzato come gli indici creditizi ESG seguano un andamento simile ai benchmark tradizionali da un punto di vista del rischio, del rendimento e del tracking error. A suo parere, diversi fattori rendono il passaggio al credito ESG una scelta naturale per gli investitori obbligazionari.

PB: Nel mercato del credito, l'investimento ESG significa semplicemente integrare criteri non finanziari in un'allocazione obbligazionaria standard, il che comporta una serie di vantaggi aggiuntivi.

In primo luogo, fornisce un quadro di allineamento in termini di valori, escludendo ad esempio gli emittenti obbligazionari che operano in settori come il tabacco o il carbone termico. Permette inoltre agli investitori di allinearsi con le nuove regolamentazioni, come il Regolamento europeo relativo all'informativa sulla sostenibilità nel settore dei servizi finanziari (SFDR) che incentiva ad integrare i fattori ESG nei propri investimenti. È sempre più evidente che i criteri ESG contribuiscono anche a contenere i ribassi, mentre le caratteristiche di rischio/rendimento degli indici ESG e non-ESG sono sufficientemente allineate da semplificare la transizione.

Gli indici Bloomberg Barclays MSCI Sustainable SRI replicati dagli ETF obbligazionari di Lyxor adottano tutti un filtro ESG. Una volta selezionato l'indice originario, viene applicato un filtro di liquidità che esclude le obbligazioni di minori dimensioni. Gli emittenti privi di rating ESG vengono rimossi, e in seguito applicati i criteri ESG.

I filtri ESG escludono gli emittenti con un rating ESG di MSCI inferiore a BBB, quelli esposti a controversie molto gravi oppure coinvolti in determinate attività come alcol, tabacco, gioco d'azzardo, petrolio e gas non convenzionali o carbone termico. Noi crediamo in  questa metodologia in quanto viene adottata in ogni nostro ETF obbligazionario fisico.

Ascolta il webinar completo per scoprire il resto della presentazione di Philippe:

  • Caratteristiche dell'indice ESG vs indice originario
  • Come lo screening ESG incide sulle ponderazioni settoriali
  • Perché il tracking error delle obbligazioni IG ESG differisce da quello delle omologhe HY

Domande e risposte

  • Quali sono le prospettive per il credito IG per i prossimi tre-quattro anni?
  • Qual è l'impatto dei filtri ESG sul mercato?
  • Quali sono i vantaggi di escludere i rating ESG più bassi?

Guarda il replay per ascoltare le risposte:

La view di Lyxor

È il momento di schierarsi a favore di un cambiamento positivo. Arriverà presto il giorno in cui il successo di una società non dipenderà più solo dai tradizionali parametri finanziari ma anche dalle dimensioni della sua impronta di carbonio, dallo scenario di riscaldamento globale a cui contribuisce e dalla sua disponibilità ad affrontare problematiche sociali più ampie.

Che si desideri migliorare la performance, ridurre il rischio o semplicemente investire con consapevolezza, gli enormi progressi compiuti sul fronte dei dati ESG significano che è ora possibile esercitare un impatto molto maggiore tramite l'allocazione obbligazionaria.

Il nostro recente articolo di approfondimento spiega perché crediamo che il futuro della performance a lungo termine sia green e responsabile.

Investendo nella nostra gamma di obbligazioni ESG puoi contribuire ad assicurare un futuro migliore per tutti. Visita il sito per saperne di più sulla gamma ESG di Lyxor.

Questo articolo è a mero scopo informativo e non deve essere considerato come un consiglio di investimento. Lyxor ETF non sponsorizza né promuove in alcun modo le società menzionate in questo articolo. Le opinioni espresse da Mahesh Bhimalingam e AJ Lindeman sono personali e non riflettono necessariamente le opinioni di Lyxor International Asset Management o Societe Generale. Capitale a rischio. Si prega di leggere di seguito le nostre avvertenze sui rischi.

Avvertenze sui rischi

È importante per i potenziali investitori valutare i rischi descritti di seguito e nei prospetti pubblicati sul nostro sito  www.lyxoretf.it
Capitale a rischio: Gli ETF sono strumenti di replica. Il loro profilo di rischio è simile a quello di un investimento diretto nell’indice sottostante. Il capitale investito non è protetto e gli investitori potrebbero non recuperare l’ammontare originariamente investito.
Rischio di Replica: Gli obiettivi del fondo potrebbero non essere raggiunti a causa di eventi inattesi nei mercati sottostanti che di conseguenza potrebbero impattare la metodologia di calcolo dell’indice e l’efficienza di replica del fondo.
Rischio di Controparte: Gli investitori sono esposti ai rischi derivanti dall’uso di uno swap OTC con Société Générale. Nel rispetto della normativa UCITS, l’esposizione a Société Générale non può eccedere il 10% della totalità degli asset del fondo. Gli ETF a replica fisica possono essere soggetti a rischio di controparte risultante da un programma di prestito titoli.

Rischio di Concentrazione: Gli ETF tematici selezionano i titoli azionari e obbligazionari per il loro portafoglio in base all’indice di riferimento originale. Laddove le regole di selezione siano molto estese, ciò potrebbe portare alla composizione di un portafoglio più concentrato, dove il rischio viene allocato su un numero di posizioni inferiore rispetto al benchmark di riferimento. 
Rischio legato al Sottostante: L’indice sottostante di un Lyxor ETF può essere complesso e volatile. Quando si investe in materie prime, l’indice sottostante fa riferimento ai contratti futures sulle materie prime, esponendo l’investitore a rischio di liquidità derivante da costi quali il costo di mantenimento e di trasporto. Gli ETF con esposizione ai mercati emergenti hanno un rischio maggiore rispetto agli investimenti nei mercati sviluppati, poiché sono esposti ad una vasta gamma di rischi imprevedibili legati ai mercati emergenti stessi.
Rischio di Valuta: Gli ETF possono essere esposti al rischio valuta se l’ETF è denominato in una valuta diversa da quella dell’indice sottostante replicato. Questo vuol dire che le variazioni nel tasso di cambio possono avere un effetto positivo o negativo sui rendimenti.
Rischio di Liquidità: La liquidità è fornita da market-makers registrati sui rispettivi mercati di negoziazione, dove gli ETF sono quotati, e questo vale anche per Société Générale. Sul mercato, la liquidità può essere limitata in seguito a: una sospensione sul mercato sottostante rappresentato dall’indice replicato dall’ETF; un malfunzionamento dei sistemi di uno dei mercati di riferimento, o di un altro market-maker; oppure una situazione o evento di negoziazione anomala.
Questo documento è indirizzato esclusivamente ad investitori professionali
Questo documento è ad uso esclusivo degli investitori che agiscono per conto proprio e classificati come “Controparti Qualificate” o “Clienti Professionali” ai sensi della Direttiva 2004/39/CE relativa ai Mercati degli Strumenti Finanziari.

Questo documento ha finalità di carattere meramente promozionale e non normativo. Questo documento non costituisce un’offerta o una sollecitazione di offerta, da parte di Société Générale, Lyxor International Asset Management o ciascuna delle loro rispettive affiliate o sussidiarie per l’offerta o la vendita di prodotti. Consigliamo gli investitori che desiderano ottenere maggiori informazioni sul loro trattamento fiscale di chiedere assistenza al loro consulente fiscale. L’attenzione dell’investitore deve focalizzarsi sul fatto che il valore patrimoniale netto dichiarato in questo documento (a seconda del caso) non può essere utilizzato come base per le sottoscrizioni e/o rimborsi. Le informazioni sul mercato mostrate in questo documento sono basate su dati forniti in un dato momento e possono cambiare di volta in volta. Le cifre relative alle performance passate si riferiscono o sono collegate a periodi passati e non sono un indicatore affidabile dei risultati futuri. Questo vale inoltre per i dati di mercato storici. Il rendimento potenziale può essere ridotto a causa di commissioni, imposte, tasse o ogni altra spesa sostenuta dall’investitore. Lyxor International Asset Management (Lyxor ETF), société par actions simplifiéé con sede legale Tours Société Générale, 17 cours Valmy, 92800 Puteaux (France), 418862215 RCS Nanterre, è autorizzata e regolamentata dall’Autorité des Marchés Financiers (AMF) ai sensi della Direttiva UCITS e della Direttiva AIFM (2011/61/UE). Lyxor ETF è rappresentata nel Regno Unito da Lyxor Asset Management UK LLP, che è autorizzata e regolamentata nel Regno Unito dalla Financial Conduct Authority al Numero di Registrazione 435658.

Conflitti di interesse

Il presente report è redatto dal dipartimento di Marketing di Lyxor International Asset Management. Questa comunicazione contiene punti di vista, opinioni e raccomandazioni degli analisti di ricerca di Lyxor International Asset Management (“LIAM”) Cross Asset ed ETF. Nella misura in cui questo documento contiene idee di investimento basate su scenari macroeconomici delle variabili di mercato e su valutazioni relative, queste potrebbero differire dalle opinioni e raccomandazioni della Ricerca fondamentale Cross Asset ed ETF contenute nei report su singoli settori o società della Ricerca Cross Asset ed ETF e dagli scenari e opinioni di altri dipartimenti di LIAM e delle relative controllate. Gli analisti della Ricerca Cross Asset ed ETF di Lyxor si consultano periodicamente con il personale preposto alle vendite e alla gestione di portafogli sulle informazioni di mercato, inclusi, ma non limitati a: pricing, livelli di spread e attività di trading degli ETF che replicano indici azionari, obbligazionari e su materie prime. I desk di trading potrebbero negoziare, o aver negoziato, sulla base degli scenari e dei report degli analisti di ricerca. Lyxor ha politiche e procedure obbligatorie in materia di ricerca che sono ragionevolmente ideati per (i) assicurare che i fatti presentati nei report di ricerca siano basati su informazioni affidabili e (ii) prevenire una diffusione impropria o incompleta degli stessi. Inoltre, gli analisti di ricerca ricevono compensi basati, in parte, sulla qualità e l’accuratezza delle loro analisi, sulle valutazioni dei clienti, su fattori competitivi e sui ricavi totali di LIAM inclusi i ricavi da commissioni di gestione, consulenza e distribuzione. Si prega di prendere visione dell’informativa sulle raccomandazioni di investimento su http://www.lyxoretf.it/compliance.